Abbiamo 62 visitatori e nessun utente online

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

“Dal combinato disposto dell’art. 25 del Testo unico del Pubblico Impiego e dall’art. 7 D.L.vo 297/94, si evince che ai dirigenti delle istituzioni scolastiche spettano determinati poteri, che tuttavia devono essere esercitati nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze del collegio dei docenti e degli altri organi collegiali della scuola.”. Lo ha spiegato l’Avvocatura distrettuale dello Stato di Venezia in un   pdf parere emesso il 4 marzo scorso (168 KB) su richiesta   pdf dell'Usr del Veneto. (47 KB) Che conforta l'orientamento già espresso in precedenza dall'Usr Veneto con la   pdf nota n.621/C1 del 15 gennaio 2013. (53 KB)