Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Non è un errore di stampa il rinvio alla disposizione che impone ai docenti di sostegno di vantare i requisiti per fare il presidente di commissione anche se intendono fare solo i commissari. Si tratta di una scelta voluta che, secondo il Ministero, risponde alla necessità di garantire che il docente di sostegno, nominato commissario, abbia un'ampia esperienza anche come docente della disciplina. E' quanto si evince da una risposta a un quesito sulla questione fornita dal Ministero dell'istruzione il 12 aprile scorso. La risposta non ci convince, perchè, di fatto, considera la qualifica di docente di sostegno alla stregua di una deminutio capitis e ci batteremo affinchè questa disposizione possa essere cambiata al più presto.Vai alla risposta del Miur

  archive Vai alla circolare 7/2013 (1.17 MB)

Vai al DM 6/2007