Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

I termini per la presentazione delle domande ai fini dell'inclusione nelle commissioni per gli esami di Stato, in qualità di commissario esterno, sono stati fissati dal miur dal 24 febbraio al 16 marzo 2016. Per i docenti, ivi compresi gli insegnanti tecnico-pratici, la presentazione della domanda per l'inclusione in commissione, in qualità di commissario esterno, è obbligatoria solo nel caso in cui non siano stati designati commissari interni o referenti del plico telematico. l'istanza è facoltativa (anche per svolgere gli esami in qualità di presidente) nel caso in cui il docente interessato vanti il possesso dei requisiti indicati nella circolare al punto 2.c.d.

Vai alla circolare

vai al DM 6/2007

 

A seguito dell'incontro del 23 dicembre (al quale il ministro ha preferito non essere presente) il Miur, tramite una delegazione di alti funzionari, ha manifestato l'intenzione di accogliere alcune richieste sostanziali dei sindacati sulla questione della mobilità. In pratica sarebbero state fatte aperture su questioni importanti come, per esempio, il diritto alla titolarità della sede anche per chi presenterà la domanda di trasferimento il prossimo anno. La contrattazione riprenderà l'8 gennaio.

Vai al comunicato unitario

Questa mattina, alle ore 9.30, presso il salone ex-CNPI del MIUR, si è tenuto l'incontro richiesto dalle OO.SS. rappresentative per chiedere al ministro di chiarire i nodi politici relativi alla mobilità del personale e alla costituzione degli ambiti territoriali. Assente il ministro, la delegazione di parte pubblica era guidata dal capo di gabinetto, il dott. Fusacchia. Il dott. Fusacchia ha esordito esprimendo il proprio augurio per l'avvio della contrattazione sulla mobilità 2016/2017, confidando in un esito positivo, ricordando che in caso di mancato accordo l'Amministrazione procederà con un atto datoriale nel pieno rispetto dei commi della legge 107/2015.

Leggi tutto: Oggi a Roma incontro sulla mobilità con il Ministro: il Ministro non si è presentato

La Gilda degli Insegnanti di Potenza ha scritto (via pec) al Direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale per la Basilicata, sollecitando un provvedimento in favore dei docenti neoimmessi in ruolo che hanno differito la presa di servizio e che si sono visti negare la possibilità di svolgere l'anno di prova, perchè attualmente in servizio in scuole di grado diverso da quelle di immissione in ruolo. L'invito muove da un analogo provvedimento già emesso dall'Ufficio scolastico regionale per il Molise.

Vai al testo della lettera

seguici su Twitter Google + Facebook

I docenti che intendono cessare dal servizio per andare in pensione dal 1° settembre prossimo hanno tempo fino al 22 gennaio per presentare la domanda di cessazione tramite “istanze on line”. La domanda di pensione in senso stretto, invece, va presentata direttamente all’Inps o tramite il sito web dell’istituto, oppure tramite contact center oppure, ancora, (ed è la soluzione più semplice) tramite la consulenza gratuita di un patronato. Per la pensione di vecchiaia il requisito anagrafico e di 66 anni e 7 mesi compiuti entro il 31 agosto 2016 (collocamento d'ufficio) o, a domanda, entro il 31 dicembre 2013 in virtù della disposizione prevista dall'articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 sia per gli uomini che per le donne, con almeno 20 anni di anzianità contributiva. La pensione anticipata, rispetto a quella di vecchiaia, potrà conseguirsi, a domanda, solo al compimento di 40 anni e 10 mesi di anzianità contributiva, le donne, e 42 anni e 10 mesi per gli uomini da possedersi entro il 31 dicembre 2016, senza operare alcun arrotondamento.

Leggi tutto: Cessazioni dal servizio, domande via web entro il 22 gennaio

Oggi al "Nitti" di Potenza si sono tenute le convocazioni per assegnare un incarico a tempo determinato per 12 ore presso la scuola media di Venosa. Alle convocazioni non si è presentato nessuno e, dunque, si è esaurita anche la GAE della classe di concorso A059. Il conferimento dell'incarico rientra adesso nella competenza del dirigente scolastico della scuola di Venosa.

L'ufficio scolastico ha terminato le operazioni di assunzione sui posti rimasti liberi dopo le immissioni in ruolo della fase C ed ha reso noto le disponibilità residue e le graduatorie esaurite (o non compilate).

L'ufficio scolastico ha reso note le disponibilità per le nomine a tempo determinato nelle secondarie di I e II grado, che saranno effettuate il 10 dicembre prossimo al " Nitti" di Potenza". L'ufficio ha disposto nella stessa giornata del 10 , sempre al "Nitti", un'ulteriore tornata di nomine a tempo determinato anche nella scuola primaria, ma senza rendere note le disponibilità, che saranno pubblicate 24 ore prima del giorno delle nomine.

Vai alle disponibilità nelle secondarie di I e II grado

Vai alla convocazione per la scuola primaria

L'ufficio scolastico regionale ha emanato una nota con la quale ha impartito agli ambiti provinciali le istruzioni per assumere i supplenti sui posti lasciati liberi dai docenti neoimmessi in ruolo nella fase C. Di particolare interesse il passaggio che riguarda la questione dei vicari: "Nel caso in cui il posto del vicario sia stato coperto, nell'organico di potenziamento, con utilizzazione di classe di concorso affine e tale posto sia rimasto vacante o disponibile per differimento dell'assunzione in servizio, il suddetto posto sarà coperto con supplente nominato dalle graduatorie della classe di concorso di appartenenza del vicario. Nelle istituzioni scolastiche a cui non sia stato assegnato il posto di potenziamento corrispondente o affine al posto/classe di concorso dell’esonero o semiesonero, si dovrà procedere alla risoluzione del contratto stipulato fino all’avente diritto e il docente esonerato tornerà sulla cattedra originaria.".