Abbiamo 72 visitatori e nessun utente online

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

L'ufficio scolastico ha pubblicato l'organico della scuola secondaria di II grado.

Vai ai provvedimenti e alle tabelle

L'ufficio scolastico ha pubblicato l'organico della scuola secondaria di I grado.

Vai ai provvedimenti e alle tabelle

Il Miur, accogliendo una richiesta presentata dalla Gilda-Unams, ha reso noto che il termine finale per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso docenti di cui all’art.17 comma 2 lettera b decreto legislativo 59/2017 è stato prorogato alle ore 14.00 del 26 marzo.

Vai all'avviso del Miur

I docenti che intendono chiedere la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale hanno tempo fino al 15 marzo prossimo per presentare la la domanda. L'istanza va presentata anche da chi si trova già in part time e intenda chiedere la conferma e deve essere compilata utilizzando il modulo predisposto dall'amministrazione scolastica e dovrà essere consegnata in segreteria presso la scuola di servizio.

Vai alla nota dell'ufficio scolastico

vai al modulo

L'ufficio scolastico ha pubblicato la nota e il modulo per presentare le domande di permesso per il diritto allo studio.Il termine di presentazione delle domande è fissato al 15 novembre 2017. Può presentare domanda il personale docente, educativo ed Ata, in servizio con contratto di lavoro a tempo indeterminato, compreso il personale in utilizzazione ed assegnazione provvisoria, nonché il personale con contratto a tempo determinato fino al termine dell’anno scolastico (31/08/2018) o fino al termine delle attività didattiche (30/06/2018). La domanda dovrà essere trasmessa all’ufficio scolastico esclusivamente per il tramite della scuola di servizio.

iIl Tribunale di Potenza ha annullato una sanzione disciplinare ingiustamente inflitta ad una docente da un dirigente scolastico. Il giudice ha motivato la sentenza spiegando che "a prescindere da quelli che sono stati gli esiti dell'istruttoria compiuta (che hanno ridimensionato la portata della contestazione disciplinare)" sono state ravvisate"lacune nell'articolazione della contestazione disciplinare" si legge nella sentenza "che non possono non avere inciso sul corretto esercizio del diritto di difesa peccando in termini di mancata specificità. Ne è prova la stessa impostazione difensiva dell'amministrazione resistente che" spiega il giudice monocratico "nell'essere così articolata e compiuta, è venuta a implementare quello che però doveva già essere cristallizzato in fase disciplinare". In sintesi, il dirigente scolastico aveva indicato nella contestazione riferimenti giuridici inesatti e aveva narrato il fatto ritenuto antidoveroso in modo troppo generico. In ciò precludendo alla docente la possibilità di esercitare compiutamente il proprio diritto di difesa, fermo restando che, nel corso dell'istruttoria, era stato accertato che il fatto era meno grave di quanto fosse stato ritenuto dal dirigente. In pratica, il dirigente aveva chiesto alla docente di far uscire dall'aula due alunni e la docente aveva opposto il suo diniego perchè stava spiegando. All'esito del giudizio il giudice ha annullato la sanzione ed ha anche condannato l'amministrazione al pagamento di 3mila euro di spese legali più IVA e contributi previdenziali per l'avvocato. Il ricorso è stato patrocinato dalla Gilda di Potenza, la difesa tecnica è stata assunta dall'avv. Enzo Faggella. Pubblichiamo di seguito il testo della sentenza previa cassazione dei riferimenti alle persone e all'istituzione scolastica di servizio: il fine delle nostre battaglie è solo quello di affermare i principi a tutela della dignità della professione docente.

Vai al testo della sentenza

L'ufficio ha autorizzato i dirigenti scolastici a pubblicare, a partire da oggi, le graduatorie defintive di istituto di I, II e III fascia. L'amministrazione ha reso noto, inoltre, che i punteggi artistici aggiornati non sono ancora disponibili a causa dei ritardi nella costituzione delle commissioni di valutazione, che includono anche docenti di conservatorio. Nelle more della valutazione di tali titoli, l'ufficio ha invitato i dirigenti scolastici ad assumere provvisoriamente i supplenti con contratto "fino a nomina dell'avente diritto".

Vai alla nota dell'ufficio scolastico

Alcuni colleghi ci hanno fatto sapere che taluni dirigenti scolastici avrebbero costituito cattedre articolate anche su 4 comuni. I relativi atti sono da considerarsi illegittimi perchè il limite massimo consentito è di 3 comuni, così come previsto dall'articolo 2 , punultimo comma del contratto integrativo regionale sulle utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie. Invitiamo i colleghi intepressati a segnalarci eventuali abusi al fine di intentare le azioni legali necessarie.

L'Ambito territoriale per la provincia di Potenza ha informato i dirigenti scolastici circa la disponibilità al SIDI delle graduatorie provvisorie di istituto. L'Ufficio ne ha raccomandato la contestuale pubblicazione sui siti delle scuole, come da prassi, ed ha ricordato che il termine per i reclami è fissato nell'ordine di 10 giorni dalla data di pubblicazione. L'Amministrazione ha fatto sapere, inoltre, che la valutazione dei titoli artistici avverrà in un secondo momento (presumibilmente dopo il 15 settembre) a causa dei tempi tecnici di costituzione delle relative commissioni (è prevista anche la partecipazione di docenti del conservatorio che, però, non rientreranno in servizio prima del 15 settembre). Per questi motivi il dirigente dell'Ambito territoriale ha invitato gli aspiranti docenti di discipline musicali della scuola secondaria di I e II grado ad astenersi dal presentare reclami aventi per oggetto la mancata valutazione dei titoli artistici.

Vai alla nota dell'AT di PZ